Il Palazzo delle Poste ritorna al suo splendore originale

La sede di Poste Italiane in piazza Matteotti a Napoli è un edificio inaugurato il 30 settembre 1936 e fortemente voluto dall’allora ministro delle Comunicazioni Costanzo Ciano. Esempio di architettura razionalista-funzionalista, è sottoposto a vincolo della Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio per il Comune e la Provincia di Napoli.

Sede centrale Poste Italiane restauro conservativo rimozione graffiti

Particolare dell’ingresso – prima e dopo il restauro

Il paramento esterno in marmo e diorite doveva quindi essere trattato con particolare attenzione e cura, tali da non nuocere a questo straordinario edificio. Il restauro, durato quasi un mese, ha richiesto l’impiego di operai estremamente specializzati nonché materiali di altissima qualità.

Restauro e rimozione murales Poste Italiane palazzo Matteotti Napoli Tekna Restauri

Particolare dell’ingresso del palazzo in piazza Matteotti

Bronzo e travertino, il restauro della Minerva

Un intervento particolarmente interessante è stato quello svolto per conto dell’Università degli Studi Federico II di Napoli sulla statua in bronzo su basamento in travertino raffigurante la dea Minerva.

L’opera si presentava molto sporca con depositi di varia natura dal particellato atmosferico poco coerente alle aderenti stratificazioni di particellato inquinate dovuto ad idrocarburi e piogge acide.

statua minerva università napoli federico II tekna restauri restauro conservativo giugliano in campania

La statua prima e dopo l’intervento

Il restauro ha richiesto particolare attenzione ai metodi chimici programmati, scegliendo un trattamento che garantisse il massimo dell’efficacia nel contrastare i fattori di degrado.

restauro conservativo monumentale minerva napoli statua federico II tekna restauri

Una restauratrice TEKNA al lavoro sul basamento in travertino

L’intervento ha inoltre richiesto la ricostruzione di parti del basamento in marmo travertino mancanti. Un team composto da 8 persone ha lavorato per oltre 40 giorni al fine di restituire all’ateneo la bellezza di quest’opera risalente al diciottesimo secolo.